Giocare a casa con i bambini
Con il Coronavirus i bambini a casa da scuola possono finalmente giocare!

Giocare a casa con i bambini

Sono cresciuta negli anni ’80 e ci si ritrovava i pomeriggi a casa di amici a giocare. 
Chi della mia generazione non ha passato ore a terra o intorno ad un tavolo a pensare ad una strategia vincente e far avanzare i suoi carrarmatini gialli? O dividersi per squadre e rispondere il più velocemente possibile a domande di cultura generale? (e rendersi sempre conto che ancora ne aveva da sapere… ;) )

Giocavamo sin da piccoli. Dal classico Gioco dell’Oca al Mercante in Fiera. Erano momenti bellissimi in cui ci si riuniva intorno al tavolo e la nonna distribuiva le pedine o divideva i fagioli secchi per puntare.

E oggi? Quali sono i giochi più giocati?
Oggi ci sono versioni up del gioco dell’oca, i classici Domino o Shangai, ma quelli che spopolano sono i giochi di carte che possono includere ogni membro della famiglia perchè indicate spesso dai 5 ai 99 anni :)

Il gioco rappresenta una componente fondamentale nello sviluppo delle capacità di un bambino e un bel collante per la famiglia.

Un ottimo passatempo nelle stagioni fredde quando il clima o qualche malanno ci costringono a stare a casa e un ottimo modo per focalizzare l’attenzione lontano dalle moderne tecnologie, sviluppando capacità importanti come il pensiero logico, la socializzazione e anche tanto divertimento!

Con il gioco il bambini sviluppa le proprie potenzialità come:
– espandere nuove idee
– adattarsi socialmente
– contrastare i problemi emotivi
– avere nuove idee
– usare la l’immaginazione

Non a caso, per sottolineare l’importanza che il gioco ha nello sviluppo del bimbo, l’Alto Commissariato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite con la Risoluzione 44/25 del 20 novembre 1989, riconosce il gioco come un “diritto inviolabile ed insindacabile di ogni bambino”.

Lasciamoci trasportare dai bambini e GIOCHIAMO!

Davide

Creativo e solare, animato da profondi valori ecologici, sono lo “smanettone” di Tabata ;-) Papà accorto e attento amo stare con la gente, viaggiare, scoprire, fare nuove sempre nuove esperienze.L’esperienza genitoriale mi ha cambiato profondamente, guidandomi in tante scelte importanti.

Lascia un commento

Chiudi il menu