Come allevare un figlio con successo comportandosi da genitore responsabile.

I figli non nascono con un libretto di istruzioni attaccato ad un piede, purtroppo! Molti genitori allevano i figli seguendo la propria educazione e sicuramente non esiste un modo univoco per far crescere i bambini, ma è bene conoscere gli approcci giusti e adottare strategie efficaci, per non rischiare di essere genitori poco accorti.

Ricordiamoci che siamo essere umani e nessuno è perfetto: i genitori responsabili non faranno sempre le scelte giuste, ma sapranno imparare dagli errori per guidare il loro bambino verso una corretta prospettiva.

Essere genitori responsabili: ecco 5 strategie per crescere bene i propri figli

  1. Stabilire una disciplina adeguata.

Sicuramente una disciplina esageratamente dura può provocare nel bambino sentimenti di paura, ansia o dipendenza. Ma anche una disciplina inadeguata è rischiosa, perché può portare a non comprendere bene le regole e le aspettative collettive, sfavorendo una sana condotta sociale. Ricorda che sei il genitore: il tuo compito è di aiutare tuo figlio a diventare un adulto affidabile e indipendente e ciò non è sempre compatibile con i suoi desideri. Affrontare i suoi atteggiamenti dissenzienti fa parte del “gioco”.

  1. Porre i giusti confini tra genitori e figli.

Confine è dove una persona finisce e ne comincia un’altra: per questo il genitore responsabile, a differenza di quello negligente, sa stabilire dei confini realistici tra sé e i propri figli, li fa rispettare e sa dialogare insieme a loro per aiutarli a capire il ruolo che hanno in famiglia e nella società in cui vivono. Ciò non significa ignorare le loro opinioni, ma adeguare le questioni all’età e al contesto.

  1. Raccogli ciò che hai seminato.

Essere genitori responsabili significa anche modellare comportamenti e valori per trasmetterli ai figli. Per questo raccoglierai ciò che hai seminato: se rivolgi parolacce, sfide o commenti sarcastici verso altre persone, anche se in modo scherzoso, i bambini imiteranno questi comportamenti. È bene quindi dedicare del tempo per analizzare il proprio comportamento e apportare modifiche positive: riconoscere le proprie carenze può evitare ai bambini di assimilarle, li può aiutare ad apprendere il valore della coscienza di sé e ad assumersi la responsabilità per le proprie scelte e conseguenze.

  1. Un genitore responsabile si prende cura di sé stesso.

Spingersi troppo oltre i propri limiti emotivi e fisici non è sostenibile a lungo termine. Anche il genitore più energico non può essere al massimo quando si trascura. È importante anche per i genitori dormire per un tempo ragionevole, mangiare pasti regolari e dedicare le dovute attenzioni al rapporto con il partner.

  1. Saper chiedere e trovare aiuto.

Un genitore responsabile sa che i bambini hanno bisogni diversi che evolvono con l’età: ogni bambino è unico e non si può adottare un approccio uguale con ciascuno. Ciò è particolarmente importante ed evidente se un bambino ha limitazioni fisiche, emotive o cognitive. Il primo passo fondamentale è ammettere che non si sarà mai in grado di avere tutte le risposte ai problemi, pertanto è normale rivolgersi a figure diverse, come altri componenti della famiglia, gli insegnanti, i terapeuti per il sostegno, consulenti, assistenti sociali e pediatri. Spesso, anche solo parlare con altri genitori può essere di grande aiuto.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *