Essere genitori è un’esperienza unica e appagante, ma anche complessa: ecco un elenco di tutti quei pensieri che tuo figlio non esprime, ma che probabilmente pensa.

La relazione tra genitori e figli è quanto di più appassionante e coinvolgente possa esistere al mondo: a volte difficile da capire e gestire, certo, ma essere genitori è un’esperienza totalizzante, piena, che riempie il cuore. Possiamo provare numerose e diverse emozioni, dalla gioia, all’amore, all’orgoglio, fino anche a paura, tristezza, depressione. In questi casi è il timore di non agire bene che ci porta ad avere mille dubbi.

Quando siamo genitori ci poniamo tante domande sul rapporto da tenere con i nostri figli. Può capitare di porci delle domande come “Sono un buon genitore per mio figlio?”, “Sto facendo abbastanza per lui?”. Ma cosa ci direbbero i nostri figli se potessero risponderci come se fossero adulti?

Ciò che tuo figlio non ti dice ma che probabilmente pensa.

Ho voluto provare a fare questo gioco, immaginando di avere di fronte mio figlio. Scopriamo insieme le che ci direbbero i nostri figli, proprio come se provenissero dalla loro voce.

  • Non mi viziare!

So bene che ho già tutto quello che mi occorre, non ho bisogno anche di quest’ultimo giocattolo, ti sto solo mettendo alla prova.

  • Fammi fare lo sciocchino, a volte.

Sono un bambino e mi diverto così, anche con nulla, magari può essere fastidioso ma io sto solo giocando.

  • Riconosci i miei meriti.

Valorizza i momenti in cui mi comporto bene: mi piace essere apprezzato quando faccio bene qualcosa, proprio come te.

  • Fai il genitore.

Non c’è motivo per cui io, il bambino, abbia un controllo maggiore di te sulla famiglia. Non cedermi il tuo ruolo, io devo fare il bambino.

  • Incoraggiami ad avere uno stile di vita sano.

Non sarò mai in forma finché mi permetti di stare così tante ore davanti alla tv, mangiando merendine e caramelle.

  • Interessati al mio percorso formativo.

Se non lo fai tu, non lo farò nemmeno io perché non ne capisco il valore. Dedica del tempo ai miei studi, sarò più motivato.

  • Non tenermi sotto una campana di vetro.

So che ci tieni a me e vorresti che non mi mettessi mai nei guai né soffrissi, ma ho bisogno di sperimentare e di imparare a vivere le conseguenze delle mie scelte in modo consapevole.

  • Guidami con la tua esperienza.

A volte è difficile esprimere i miei sentimenti, ti chiedo quindi di essere paziente e aiutarmi a guardarmi dentro per comprendermi meglio. Te ne sarò grato.

Cerca di essere presente quando ho bisogno di qualcuno con cui parlare e che sappia ascoltarmi. Se non ci sarai tu, allora dovrò cercare conforto in qualcun altro o qualcos’altro.

  • Incoraggiami a far parte di una squadra, un gruppo o una classe.

Così facendo la mia autostima migliorerà e potrò apprendere lezioni di vita importanti.

  • Cerca di essere per me il miglior modello possibile.

Non mi importa che tu sia un campione di sport o un cantante famoso, non cerco un supereroe, ma desidero un genitore da cui imparare come comportarmi adeguatamente nella vita e in relazione con le altre persone.

  • Amami.

So che a volte può essere difficile, ma per me è importante. E io ti voglio un sacco di bene.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *