Babywearing Dad 2014: intervista ai 3 vincitori di #PortamiPapà


I Babywearing Dad vincitori della rassegna fotografica di Tabata #PortamiPapà ci raccontano, in un’intervista dedicata, perchè amano portare i loro bambini.

#PortamiPapà è l’iniziativa speciale che noi di Tabata, in occasione della Festa del Papà di quest’anno, abbiamo fortemente voluto e sostenuto: una rassegna fotografica completamente dedicata a tutti i papà che amano portare i loro bambini.

La nostra speciale iniziativa dedicata ai Babywearing Dad ci ha permesso di dimostrare che anche i papà amano profondamente portare i loro bambini: che sia in una fascia porta bebè o in un marsupio, che sia davanti, di fianco o dietro, che si tratti di un neonato di pochi giorni o di un bimbo già cresciutello…
Praticare il Babwearing con il proprio bambino è un’esperienza unica e intensa per tutti i padri e per i loro cuccioli. E perchè no, per tutte noi mamme che assistiamo a questi momenti così intimi e speciali ;-)

Tante splendide foto, tutte diverse, ognuna con il suo stile e la sua atmosfera. Ma tutte con unico denominatore forte e chiaro: tanto, tantissimo amore!!
Guardate che bella la nostra rassegna #PortamiPapà: che ve ne pare??

La Festa del Papà da Tabata è #portamipapà

Babywearing Dad 2014: ecco i vincitori!

Non è stato facile, credeteci sulla parola. Avevamo promesso di un eleggere un vincitore, ma è stata durissima. Così, abbiamo optato per incoronarne ben 3!
E, sorpresa delle sorprese, siccome ci sono piaciuti davvero un sacco, abbiamo deciso di omaggiarli anche con un Buono Acquisto di Tabata da € 30 ciascuno.

Eccoci quindi a presentare i vincitori ufficiali di #portamipapà, i nostri Babywearing Dad 2014:

Enrico: 40 anni, 2 bambine (Marta e Greta), informatico, Somma Lombardo (VA)
Philip: 36 anni, 1 figlio (David), imprenditore, Milano
Angelo: 49 anni, 4 figli (ha partecipato alla rassegna con il piccolo Raffaele), operatore di sala, Brescia

Che dite, se li sono meritati o no i titoli di Babywearing Dad e l’omaggio di Tabata?

Babywearing Dad 2014: i vincitori della rassegna #portamipapà

Ma non finisce qui! Li abbiamo intervistati sulla loro esperienza di Babywearing Dad. E le loro risposte sono state davvero bellissime e toccanti… Eccole in versione integrale.

1) Quale aspetto del Babywearing apprezzi di più?

Enrico – Mi piace l’idea di essere libero nei movimenti e contemporaneamente avere mia figlia a contatto con me, in una posizione comoda per entrambi e, soprattutto, sicura. In questo modo non devo preoccuparmi che si metta a correre all’improvviso per strada e non devo portarmi dietro ingombranti passeggini.

Philip – Del Babywearing mi ha conquistato la facilità con cui David si lascia andare e si addormenta. Mi e’ sembrato qualcosa di incredibilmente naturale e giusto.

Angelo – Il contatto col mio bambino: portandolo davanti gli posso baciare la testa, toccargli i capelli ed accarezzarlo. Lo sento proprio vicino.

2) Come ti sei scoperto Babywearing Dad? E’ stata la tua compagna a “spingerti” o è stato un tuo desiderio?

Enrico – Inizialmente l’idea è partita da mia moglie. Per convincermi però ci sono voluti solo 10 secondi! Credo che, inconsciamente, fossi già convinto dell’efficacia di questo “sistema di trasporto”, chiamiamolo così. Abbiamo iniziato con una fascia porta bebè di cotone e, nel corso degli anni, abbiamo acquistato anche un marsupio Ergobaby. La mia preferita, comunque, resta la fascia: il rito di preparazione, la comodità e la leggerezza sono nettamente superiori. L’ Ergobaby è comodo nelle situazioni “urgenti”: se una delle bambine è in crisi ci vogliono davvero pochi secondi per calmarla.

Philip – La mia compagna me l’ha fatto conoscere. E’ lei che spesso mi lega la fascia porta bebè… Sono un po’ pigro lo ammetto!

Angelo – Lui è con me tutti i pomeriggi. Io lavoro di notte e mentre lui alla mattina va al nido, io dormo.

3) Qual è il momento o situazione preferito per “portare” il tuo bambino?

Enrico – In vacanza, indubbiamente, è bellissimo “portare”. Spesso andiamo a fare delle passeggiate in montagna e difficilmente mia figlia riesce a completare il giro da sola. Portarla sulla schiena con il marsupio e, una volta a destinazione, trovarla addormentata è una cosa che mi piace sempre molto.

Philip – In giro al parco! Durante il week end lascio riposare Nicol ed esco col cane e il piccolo David nella fascia porta bebè. Andiamo al parco vicino a casa e siamo tutti e tre molto felici!

Angelo
– Di pomeriggio, quindi. Al suo risveglio molto spesso “me lo indosso” ed andiamo in campagna.

4) In che situazione (o situazioni) il Babywearing ti ha salvato la vita?

Enrico – All’Ikea. Avevo la necessità di sostituire un pezzo comprato per errore, mia moglie era impegnata e ho deciso di andarci da solo con mia figlia di pochi mesi. Era un sabato pomeriggio, quindi lo store era pieno zeppo di gente. Ho parcheggiato la macchina, ho preso un bel respriro, ho indossato la fascia porta bebè, ho sistemato per bene mia figlia e sono entrato convinto. Ad un certo punto mi sembrava di essere da solo in quel posto, solo gli sguardi stupiti della gente mi ricordavano che insieme a me, nella fascia, c’era mia figlia. Lei non si è accorta quasi di nulla, se ne stava bella tranquilla e al calduccio, con la testa appoggiata al mio petto.

Philip
– Quando David aveva pochi giorni e noi eravamo genitori inesperti la fascia, quasi magicamente, risolveva i problemi!

Angelo
– Nei giorni di pioggia: due mani libere, e una impegnata a tenere l’ombrello. Una volta al pronto soccorso, a causa di una lunga attesa.

5) Qual è la cosa più strana che hai fatto praticando il Babywearing con il tuo bambino?

Enrico – A carnevale abbiamo fatto la classica sfilata insieme a tutti i bambini che frequentano il nido di mia figlia Marta. Per l’occasione noi papà abbiamo ideato e realizzato il carro. Per essere più comodi ho deciso di portare mia figlia Greta nella fascia porta bebè, dato che mia moglie doveva seguire la figlia più grande. Ad un certo punto si è verificato un problema all’impianto audio: mi hanno chiesto aiuto e mi sono ritrovato sul carro, semi-sdraiato, ricoperto di coriandoli, nel tentativo di sistemare il mixer. E Greta era lì, insieme a me, addormentata e completamente ricoperta di coriandoli e stelle filanti ;-)

Philip
– Come avete visto nella foto…ho spalato la neve davanti alla nostra casa in montagna.

Angelo – Mentre dormiva sul mio petto, la mia compagna mi ha tagliato i capelli.

Grazie a tutti, Babywearing Dad!

Che dire… vogliamo dire un enorme GRAZIE a voi vincitori della nostra rassegna #portamipapà per la vostra disponibilità a condividere con noi di Tabata e con tutti i nostri lettori un’esperienza così intima e intensa come quella di portare il vostro bambino. E vogliamo ripetere, ancora e ancora, GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE a tutti i Babywearing Dad che, numerosissimi, hanno partecipato a questa iniziativa un po’ speciale e unica nel suo genere.

Ci avete mostrato tantissime sfaccettature diverse del Babywearing al maschile e ci avete intenerito, affascinato, riempito gli occhi e il cuore.
Evviva tutti i Babywearing Dad, in ogni tempo e in ogni luogo!

3 Comments

  1. Alberta on said:

    Angelo sei il mio ” vincitore”!!!
    È meravigliosa questa intervista fatta ai papà …s sente tt l affetto che nutrono x i propi figli!!!
    Portare è meraviglioso…io m sarei persa tante cose di mio figlio se nn l avessi praticato!!
    M sn riconosciuta, assieme a mio marito, in tante risposte che ho letto nell intervista!!
    Bravi!!!complimenti!!!

    • Grazie Alberta, siamo proprio contenti che la nostra intervista abbia colto nel segno ;-)
      Portare è un’esperienza splendida, forte e intensa, tanto per le mamme quanto per i papà.
      E il fatto di condividerla e apprezzarla tra partner sicuramente la fa diventare ancora più speciale!!

  2. #PortamiPapà torna anche quest’anno 2015!
    Vogliamo eleggere ancora il Babywearing Dad dell’anno ;-) Qui tutti i dettagli per partecipare http://www.tabatashop.com/festa-del-papa-2015.html

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *