8 motivi per praticare babywearing a cui non avevate ancora pensato


8 Buoni motivi per praticare il Babywearing a cui non avevate ancora pensato (4)

 

Ci siamo. Anche quest’anno siamo arrivati alla nostra settimana preferita: la International Babywearing Week, una settimana internazionale in cui celebrare e sostenere questa bellissima pratica.

Abbiamo trovato per voi 8 ulteriori motivi per praticare babywearing con ancora più gioia e convinzione. Perché portare i bambini fa bene!

I benefici del babywearing

  1. I bambini portati piangono meno.
    Alcuni studi hanno confermato quello che molti genitori hanno imparato con l’esperienza diretta: portare un neonato per parecchie ore al giorno riduce non solo il suo pianto, ma anche i suoi momenti di agitazione. Solamente nella cultura occidentale il pianto dei bambini viene misurato in ore: nelle altre culture il pianto è misurato in minuti, perché è raro sentire un neonato che piange. I bambini, infatti, passano tutto il loro tempo in braccio o nella fascia con la mamma e vengono posati nel letto soltanto di notte.
  2. I bambini portati imparano di più.
    Se un bambino non piange e non si lamenta cosa fa? Impara! I bambini portati, infatti, passano molto tempo in uno stato di vigile calma, una condizione nella quale sono tranquilli e in grado di interagire con l’ambiente che li circonda: è la condizione ottimale per l’apprendimento. Inoltre, se il bambino è calmo, i genitori interagiscono più facilmente con lui.
  3. I bambini portati hanno dei genitori più sicuri di sé.
    Quand’è che un genitore è sicuro di sé? Quando sa leggere con successo i segnali di disagio o di gioia del proprio bambino. Il babywearing rende i genitori più attenti ai movimenti, ai gesti e alle espressioni del proprio bambino e ogni volta che un bambino riesce a far capire ai propri genitori che ha fame, è annoiato o è bagnato, senza dover ricorrere al pianto, la sua fiducia in mamma e papà crescerà, il suo apprendimento sarà valorizzato e la sicurezza dei genitori crescerà.Questo ciclo di interazioni positive intensifica il mutuale attaccamento fra genitori e figlio ed è assolutamente benefico per le mamme che soffrono di depressione post-partum.
  4. I bambini portati sono più regolari
    Se pensiamo alla gestazione di un bambino come a un periodo di 18 mesi di cui 9 dentro la pancia e 9 fuori… è facile capire quali siano i benefici del babywearing. L’ambiente dell’utero materno regola automaticamente i bisogni del bambino e la nascita interrompe temporaneamente questa comunicazione fra mamma e bambino. Allungando l’esperienza del ventre materno, i ritmi regolari dei genitori hanno un effetto riequilibrante sui ritmi irregolari del neonato. Pensate, ad esempio, a come il passo della mamma ricordi al bambino la sua esperienza dentro la pancia: questo ritmo familiare, impresso nella mente del bambino, ora riappare al di fuori della pancia e lo calma.Cosa succede se il neonato passa molto del suo tempo steso in una culla, preso in braccio solo per mangiare ed essere consolato e poi di nuovo separato dalla mamma? Un neonato ha un innato bisogno di adattarsi al nuovo ambiente in cui si trova. Se viene lasciato da solo, con le sue sole capacità, senza la presenza regolarizzatrice della madre, può sviluppare dei comportamenti disorganizzati e irregolari, che gli fanno sprecare molte delle energie che potrebbe usare per crescere e svilupaprsi.
  5. I bambini portati hanno una migliore termoregolazione
    Uno studio del 2006 ha dimostrato che i bambini hanno quella che viene definita “sincronia termica” con la mamma: se il corpo del bambino diventa troppo freddo quello della mamma aumenta la propria temperatura di un grado e viceversa. Questa speciale termoregolazione però avviene solo se il bambino è a contatto con il petto della mamma… o del papà, se in quel momento è lui che lo sta indossando.
  6. I benefici umani del babywearing
    Un bambino portato è un bambino coinvolto nella vita del genitore che lo porta: vede quello che vedono mamma e papà, sente quello che sentono loro e, in un certo modo, prova quello che provano loro . Il bambino che viene portato diventa così consapevole delle piccole espressioni facciali, del linguaggio del corpo, del tono della voce, del cambio di respiro di chi lo porta e da questo impara tantissimo sulle emozioni proprie ed altrui. Il genitore coinvolgerà molto di più il bambino in quello che fa o pensa… perché il bambino è seduto proprio sotto il suo naso! E più cose fa il genitore mentre indossa il proprio bambino, più lo coinvolge nella propria vita quotidiana, più il bambino impara e scopre il mondo intorno a sé.
  7. I bambini portati sono più intelligenti
    Le esperienze ambientali stimolano i nervi ad ampliarsi e a connettersi con gli altri nervi, aiutando il cervello nella sua crescita e nel suo sviluppo: il babywearing aiuta il cervello del bambino ad attuare le corrette connessioni cerebrali. Visto che il bambino è intimamente coinvolto nella vita del papà e della mamma, è esposto e partecipa agli stimoli esterni ma viene protetto dalla presenza della mamma dal bombardamento di stimoli che sovraccaricherebbero il suo sistema nervoso. Egli è così tanto coinvolto in quello che la mamma sta facendo che il suo cervello in sviluppo immagazzina una miriade di esperienze conosciute come “schemi comportaentali”. Queste espereinze possono essere assimilate ad una miriade di piccoli filmati, conservati nella libreria neurologica del bambino, pronti a essere ri-proiettati non appena il bambino vive una situazione simile a quella del filmato originario.I bambini portati sembrano essere più attenti alle conversazioni tra gli adulti, come se partecipassero attivamente: il babywearing, infatti, favorisce anche lo sviluppo della parola.
  8. I bambini portati sono fratelli migliori
    Grazie all’aiuto del babywearing, i genitori potranno prendersi cura dei fratelli più grandi senza le frequenti interruzioni inevitabilmente provocate da un neonato ansioso e stressato perché trascurato: un ottimo modo per ridurre le gelosie fra fratelli!

Se i vostri bambini sono più grandi fasce e marsupi saranno comunque la vostra salvezza quando andrete in posti in cui il passeggino non può andare e le vostre braccia non ce la fanno più: scale ripide, passeggiate in sentieri di montagna o farsi largo fra la folla di un areoporto affollato non saranno più un problema per i genitori che praticano il babywearing!

Per celebrare la settimana internazionale del babywearing su Tabatashop dal 4 al 10 Ottobre, utilizzando il codice babywearing15, riceverai uno sconto del -15% su tutto il catalogo.

 

One Comment

  1. Pingback:Marsupi e fasce porta bebè: dove acquistarli on line - Periodo Fertile

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *